Archivi tag: Italy

Copertina di Francesca Coniglio

Ala Social Net

 

Copertina di Francesca Coniglio

Netlabel e web non significano solo rete. Non solo schermi e tastiere. Quello schermo è guardato da una persona, quei tasti pigiati da una persona. E le Netlabel anche son fatte da persone, con la passione della musica. Persone che si incontrano e confrontano faccia a faccia, si mettono in gioco ed elaborano le proprie idee, sia teoriche che pratiche. Che musicali. Il 12 Ottobre scorso ad Ala questo è avvenuto, un incontro, dal nome Ala Social Net. Ed oltreché discutere, confrontarsi, proporre a parole, web e quant’altro hanno utilizzato il linguaggio principe della situazione, la musica. E questa è la traccia sonora che ci regalano diversi musicisti che in quell’occasione si sono incontrati. Preme sottolineare come il brano sia dal vivo e improvvisato, rendendolo così ancorpiù qualcosa di unico.

Ala Social Net 2012

Anno: 2012
Paese: Italia
Genere: Improvvisazione, Elettronica, Sperimentale, Futurista
Netlabel: Acustronica Netlabel, AlchEmistica Netlabel, Ozky e-sound Netlabel, Parafonica Netlabel
Download: Archive
Licenza: Creative Commons BY NC SA 3.0 Unported
Come si può notare le Netlabel coinvolte sono diverse, così come i musicisti. Per avere informazioni più dettagliate su musicisti, strumenti, foto, crediti, link informativi è fondamentale navigare verso la pagina dedica all’uscita presente su archive.org a QUESTO indirizzo, quindi è ‘ vivamente conigliata la lettura di della pagina.

Gli Heavy Metal – Gliheavymetal

Si può iniziare con due semplici informazioni: primo che Gli Heavy Metal raggiungono l’articolo plurale per una sorta di minimo sindacale: sono in due e rispondono ai nomi di Alessandro Denti e Alessandro Di Nino. Il secondo Alessandro conosciuto anche come Mr Diniz, il primo già conosciuto anche su questo blog come Due Samoani (vedi Saturae Cubiculae, ma sarà il caso di aggiornare anche sulle altre uscite). Questa volta hanno raggiunto il numero due presente nell’altro progetto, ma nel nome si sono portati avanti utilizzando un plurale a tutti gli effetti. Sempre un passo avanti. Beh, credo di sì. Il contenuto è un passo avanti. E qui arrivando ai brani :sempre due ma dal grande minutaggio. I cabalisti ormai dovrebbero essere iperattivi su questa ricorrenza. Ma li lascio volentieri ai loro voli pindarici. La relazione che mi può interessare è che due brani non vuol dire necessariamente brevità del totale: in altri campi musicali, quelli pomposi ed autoglorificanti, si parlerebbe di due suite. Mi accontento dell’ostello, ma di quelli che ti da il massimo con i mezzi a disposizione: il risultato finale sarà decisamenti migliore. Ed è questo uno dei casi. Tant’è che la seconda informazione, che già all’inizio volevo passare, la riporto ora, e riguarda il genere. L’heavy metal presente nel nome stesso del duo: tranquilli, o agitatevi in senso opposto, è presente. Se ci si aspetta un metal anni 70/80… beh, siamo anche nel duemiladodici… sarebbe come aspettarsi Elvis Presley se si parla di rock… Sicuramente il tempo fa il suo corso, non in quanto fa invacchiare determinati musiche, ma in quanto le fa evolvere. Un’evoluzione intesa come cambiamento, fine a se stessa e figlia del proprio tempo, che non comprenda un giudizio morale o estetico assoluto, anch’essi cambiano a secondo del periodo, del contesto financo arrivare alla singola persona. Inizia il balletto delle etichette, messe anche in calce al post, ma qui un minimo ragionate. Sicuramente si ha del noise, pervadente, incalzante, lietmotiv di tutto il disco. Un noise inteso quasi in senso letterale, rumore. E il rumore è onnipresente, è nel suo stesso essere destabilizzante e destrutturalizante. Nella ricerca musicale più elevata fino ad arrivare anche al field recording ciò che si cerca è un suono pulito, equilibrato, senza interferenze. Senza rumore. Qui un brano metal che potrebbe durare una manciatina di minuti si dilata, si sporca, ritorna con i piedi per terra. Ormai e a tutti gli effetti quello che potrebbe esser inteso come metal è evoluto, forse in qualcosa d’altro, o forse in qualcosa che già c’era e semplicemente non si voleva vedere. Nel balletto sicuramente ci sono anche molti altri elementi, si trova la psichedelia, dello space rock (sempre quello influenzato da un suono sporco), dell’acustico (non dimentichiamoci di Just Guitars sempre di Denti come Due Samoani), financo ad arrivare a dello sludge (da intendersi come “fusione” dello stoner, già rock pesante e psichedelico, al metal corrente doom). Ma nel gioco un’intepretazione alla fine da considerarsi veritiera nella sua parte giocosa la da il duo stesso con una immagine. Quale? Si trova nella loro pagina facebook e linkata anche qui da qualche parte.

Comunque al solito un’ottima uscita, un’ottimo lavoro, una grande libertà sonora che si spera continui ad esser profusa.

 

 

Gli Heavy Metal – “Gliheavymetal”

1- Lato A

2- Lato B

 

 
Anno: 2012
Provenienza: Italia
Netlabel: Paragrafo Records
Genere: Strumentale, Noise, Psichedelico, Space rock, Metal, Sludge
Download: Mediafire

 

Gli Heavy Metal nel web
Sito Web
Facebook

Articoli
Net Music Life

 

Ascolta anche nella pagina Musica Creative Commons