Science vs. Witchcraft – It’s Not Necrophilia if You are Dead Too

Science vs WitchcraftScience vs. Witchcraft – “It’s Not Necrophilia if You are Dead Too”
Stream: Play
Download: Mediafire
License Creative Commons By Nc Sa

Year: 2010
From: Usa
Netlabel: ?
Genre: Lo FiExperimentalNoise

Science vs. Witchcraft links
Jamendo
Archive
Soundcloud

 

Suoni sincopati, a tratti cupi, a volte scompensati, sempre liberi. Di sicuro non un facile ascolto, ma non credo che fosse minimamente ricercato. Voce melodica, molto brit, che cerca di inserirsi ma rimane semi nascosta nel tumulto dei suoni come persona che recita una poesia nella confusine di una megalopoli nell’orario di punta. Caos, smog, suoni che si rimbalzano addosso senz’ordine apparente. Gas di scarico che escono da motori roboanti, ognuno con un suono diverso, con un movimento diverso, con uno stile diverso, ordinati da quattro semafori che come bacchetta da direttore d’orchestra usano tre colori per bloccarli ma non zittirl mani, per farli ripartire ma non al di fuori dei limiti imposti da un cartello. E lì il pedone attraversa la prime metà delle strisce pedonali, si ferma all’isola pedonale ligia alla sfera rossa in attesa delle sorella verde, assorbe i ritmi e se li porta dall’altra parte. Li assorbe. Lii somma a ciò che troverà dietro l’angolo. E li elabora. Il pedone, da ascoltatore, si può fare partecipe dell’insieme vivendo gli stimoli sonori, olfattivi, visivi, emotivi che sprigionano dalle solite note conosciute da secoli or sono ma ancora una volta riproposte nel caos primordiale che evoluti o meno non facciamo che portaci dentro in ogni momento. E con il loro noise gli Science vs, Witchcraft non fanno altro che riproporcelo, senza troppi fronzoli, senza estetismi fini a se stessi, ma ricordandoci di ascoltare anche lo stomaco.

Lo stesso anno pubblicano un altro album, linkato nei riferimenti e purtroppo da allora non ci hanno proposto altro. Intanto l’ascolto di questo disco e di “Wheel of fortune: the movie” è un buon punto di partenza. Sono ascolti che vanno ripetuti più volte per, di volta in volta, scoprire qualche particolare in più, qualche rimando, per tornare alla fine ad ascoltare le vibrazioni spinteci addosso e gli effetti che ci provoca disattivare la mente a favore di un ascolto fisico ed emotivo.

Ascolta anche nella pagina Musica Creative Commons