Nell'Arcipelago Esterno

Proesia
Fluviale IV

Improbabile viaggio
d’una notte d’estate

alzo il pollice
sul greto del fiume
si ferma una canoa
da talpa guidata

un indugio

poi salgo

e al canto
del grillo copilota
si parte