Havoc

Havoc
“Dark Lake Bridge”

Havoc[box]Havoc – “Dark Lake Bridge”
Stream: Play
Download: Mediafire
Licenza: Creative Commons BY NC ND

Anno: 2012
Provenienza:Bergantino(RO), Italy
Netlabel: Blood Red Box
Genere: Metal

Havoc nel web
Archive
Facebook
Reverbnation[/box]

Oh, metal. E qua già mi fermerei. E qui si fermi anche chi non è solito ascoltare metal, per gusti, preferenze o quant’altro. Inutile anzi che pigi play. In rete purtroppo si trovano pochi articoli riguardo questo disco, e in generale sugli Havoc. Peccato. Del paio che ho linkato in calce uno è più positivo l’altro parrebbe più negativo. La critica principale che viene mossa è che possano assomigliare troppo ad altre band senza così proporre qualcosa di personale o nuovo. Una critica che potrebbe anche esser anche condivisibile… ma non fondamentale in se. In realtà sembra più eser uno spronare una band dalle grando possibilità, sia tecniche che compositive. E ci sono eccome. Ci troviamo davanti ad un primo disco. Sottolineo primo disco. Sì, ok il primo degli Iron Maiden era una bomba, si potrebbe anche azzardare il migliore, anche se su questa affermazione la ho buttata giù anche in maniera provocatoria. L’obiettivo mio è chiedermi, e chiedere, quanti sono i primi dischi di questo livello. Rari. Si critica la mancanza di una spiccata personalità? Beh, qui se ne trova, e tanta. Certo magari non come un disco da maturità, arrivato dopo anni di navigazione per sale, concerti e via dicendo. Ma cavolo, questo è un gruppo che al primo ascolto andrei a vedere se ne avessi la possibilità. Si ha un’energia, una sicurezza, financo una pulizia e gestione del suono decisamente matura. Trasmettono idee chiare. Cercano un suono e lo propongono. Suono a partire dal singolo eco di un assolo, alla cassa della batteria, passando per la voce, la chitarra ritmica e via dicendo. Li amalgamo all’interno del singolo brano. E i brani nel disco. E per far ciò bisogna avere una visione matura di ciò che si vuole fare. Quindi concordo nel dire che questo sia un bel disco, anche fosse solo per gusti personali, ma sopratutto concordo nell’affermare che sia un gruppo su cui puntare.

Articoli
La zanna del mammuth
Italia di metallo
Ascolta anche nella pagina Musica Creative Commons